EVENTI E CONCORSI






C O N C O R S O  L E T T E R A R I O

 Te iubesc! - Ti amo!
passione e sentimento


"O Galatea, più candida di un candido petalo di ligustro,
più in fiore di un prato, più slanciata di un ontano svettante,
più splendente del cristallo, più gaia di un capretto appena nato,
più liscia di conchiglie levigate dal flusso del mare,
più gradevole del sole in inverno, dell'ombra d'estate,
più amabile dei frutti, più attraente di un platano eccelso,
più luminosa del ghiaccio, più dolce dell'uva matura,
più morbida di una piuma di cigno e del latte cagliato,
e, se tu non fuggissi, più bella di un orto irriguo;
ma ancora, Galatea, più impetuosa di un giovenco selvaggio,
più dura di una vecchia quercia, più infida dell'onda,
più sgusciante dei virgulti del salice e della vitalba,
più insensibile di questi scogli, più violenta di un fiume,
più superba del pavone che si gonfia, più furiosa del fuoco,
più aspra delle spine, più ringhiosa dell'orsa che allatta,
più sorda dei marosi, più spietata di un serpente calpestato,
e, cosa che più d'ogni altra vorrei poterti togliere,
più veloce, quando fuggi, non solo del cervo incalzato
dall'urlo dei latrati, ma del vento che soffia impetuoso!
Ma, se mi conoscessi meglio, ti pentiresti d'esser fuggita
e, cercando di trattenermi, condanneresti il tempo perduto.
Posseggo una grotta, in una parte del monte, con la volta
di roccia viva, dove non si soffre il sole in piena estate
o il gelo d'inverno. Ho alberi carichi di frutta
e, sui lunghi tralci del vigneto, un'uva che sembra d'oro,
e un'altra color porpora: per te le serbo entrambe.
Con le tue mani potrai cogliere succose fragole,
nate all'ombra dei boschi, corniole in autunno e prugne,
non solo quelle violacee dal succo scuro,
ma quelle pregiate che sembrano di cera fresca.
Se mi sposerai, non ti mancheranno le castagne,
i frutti del corbezzolo: ogni pianta sarà al tuo servizio.
Tutto questo bestiame è mio; molto altro vaga per le valli,
molto si nasconde nel bosco e molto ancora è chiuso nelle grotte.
Se tu me lo chiedessi, non saprei dirtene il numero.
Solo i poveri contano le bestie. Sulla loro qualità
non pretendo che tu mi creda: vieni sul posto e vedrai da te
come a stento stringano tra le zampe poppe così gonfie.
E aggiungi i piccoli appena nati, agnelli in tiepidi ovili,
capretti della stessa età in altri ovili.
Da me non manca mai il niveo latte: parte è destinato
al bere, parte si fa rapprendere sciogliendovi il caglio.
E i regali che riceverai non saranno i soliti
fatui trastulli, come cerbiatti, lepri o capretti,
una coppia di colombi o un nido tolto dalla cima di un albero.
In vetta alla montagna, perché possano con te giocare,
ho scovato due cuccioli d'orsa villosa,
così simili fra loro, che a stento sarai in grado di distinguerli;
li ho scovati e ho pensato: 'Questi li terrò per la mia donna'.
Avanti, solleva il tuo bel capo dal mare azzurro,
avanti, vieni, Galatea, e non spregiare i miei regali.
Io mi conosco, sai, poco fa in uno specchio d'acqua mi son visto
riflesso e ciò che ho visto del mio aspetto mi ha soddisfatto.
Osserva quanto son grande: neppure Giove in cielo ha un corpo
grande come il mio (voi parlate sempre che lì regna
un non so quale Giove). Una chioma foltissima mi spiove
sul volto truce e mi vela d'ombra le spalle, come un bosco.
E non credere brutto che il mio corpo irto sia tutto di fittissime
e dure setole; brutto è l'albero senza fronde, brutto
il cavallo senza criniera che gli ammanti il biondo collo;
piume ricoprono gli uccelli, beltà delle pecore è la lana:
agli uomini si addicono la barba e il pelo ispido sul corpo.
Ho un occhio solo in mezzo alla fronte, ma a un grande scudo
lui assomiglia. E poi? Dall'alto del cielo il Sole non vede
tutto l'universo? Eppure anche lui ha un occhio solo.
Aggiungi che mio padre è il re del vostro mare:
io te l'offro come suocero. Abbi solo un po' di pietà e ascolta,
ti supplico, le mie preghiere: a te sola mi sono prosternato.
Io che disprezzo Giove, il cielo e il fulmine che tutto penetra,
temo solo te, Nereide: peggiore del fulmine è l'ira tua.
Ma persino il tuo disprezzo potrei io sopportare,
se rifiutassi tutti. Perché invece respingi il Ciclope
e ami Aci? Perché ai miei amplessi preferisci i suoi?
Che lui si compiaccia pure di sé stesso e, cosa che non vorrei,
piaccia anche a te, Galatea; ma se capita l'occasione,
sentirà come corrisponde a questo corpo immenso la mia forza.
Lo squarterò vivo e per i campi, sopra le acque in cui vivi
a brandelli scaglierò le sue membra: e s'unisca a te se gli riesce!
Brucio, brucio, e la mia passione offesa più indomabile divampa,
mi sembra che con tutte le sue forze l'Etna
mi sia entrato in petto: ma tu, Galatea, non ti commuovi!"

Polifemo si rivolge a Galatea
Ovidio, Metamorfosi, XIII, 168-170

Parte da questi meravigliosi versi, tratti dalle Metamorfosi di Ovidio, l’idea di indire un concorso per celebrare l’amore attraverso la poesia.  Da sempre, in ogni cultura, in ogni popolo, l’amore è un sentimento nobile, sicuramente il più nobile di tutti i sentimenti umani e come tale viene onorato e celebrato.  Le poesie d’amore hanno, non di rado, la forza e la bellezza di un fuoco mai sopito che oltrepassa il tempo e lo spazio per raggiungere inesorabilmente il bersaglio del nostro cuore.  Premesso che ogni ode d’amore è unica ed irripetibile, immortali sono ormai i versi di colui che può essere considerato come il massimo poeta dell'età augustea e certamente tra i più grandi elegiaci dell'umanità latina; Publio Ovidio Nasone. Passione e sentimento sono in egual misura presenti, sapientemente dosati, nelle sue opere come mai nessun autore dell’antichità seppe fare. Ovidio è uno spirito acuto, sensibile, indagatore dell’animo umano in special modo di quello labirintico dell’universo femminile dove egli sembra muoversi con disinvoltura.
Il presente Concorso sarà nazionale ed internazionale al tempo stesso, coinvolgerà le principali associazioni socio-culturali di lingua e cultura romena presenti in Italia e la Città di Costanza attraverso una capillare diffusione mediatica.
Il Progetto è stato ideato ed elaborato dall’Associazione Socio-Culturale Ovidiu di Sulmona (Aq) in sinergia con: L’Associazione di Promozione Sociale Moldbrixia di Brescia, l’Associazione Asso Moldave di Roma, l’Associazione Voci di Donne di Sulmona (Aq), il Comitato Metamorphosis - Beyond the Shape di Sulmona (Aq), il Comune di Sulmona (Aq)la Casa editrice Lupi Editore, APC, Agenzia Promozione Culturale di Sulmona (Aq). Il Concorso letterario di poesia dovrà tenersi nella prima settimana di maggio dell’anno 2017 in concomitanza con la Settimana Ovidiana e la visita alla Città di Sulmona (Aq) della delegazione ufficiale della Città di Costanza (Romania).
 In questa occasione saranno presenti, quali membri di giuria ma non solo, un congruo numero di scrittori e scrittrici di lingua e cultura romena conosciuti e tradotti anche in Italia.




REGOLAMENTO DEL CONCORSO LETTERARIO DI POESIA

Te iubesc! - Ti amo!

Articolo 1
Il tema del concorso è l’amore. Il modello poetico, anche in chiave figurativo (mitologia, allegorie ecc.), potrà essere ispirato, alle opere ovidiane - Amores (cinque libri di elegie, ridotti in tre in una seconda edizione), Heroides (le eroine: elegie amorose in forma epistolare) Ars Amatoria (L’Arte di Amare: tre libri in distici elegiaci), Remedia amoris (poemetto elegiaco) ed il suo capolavoro poetico Metamorphoseon, Le Metamorfosi. Il seguente elenco riporta alcuni dei miti d'amore più famosi presenti nelle Metamorfosi da cui è possibile prendere ispirazione: Aci e Galatea, Apollo e Dafne, Giove ed Io, Pan e Siringa, Filemone e Bauci, Giove e Europa, Diana e Atteone, Giove e Semele, Eco e Narciso, Marte, Venere e Vulcano, Cadmo e Armonia, Giove e Danae, Perseo e Andromeda, Leda, Giove e Antiope, Giove e Alcmena, Giasone e Medea, Teseo e Arianna , Bacco e Arianna, Orfeo e Euridice, Venere e Adone, Atalanta e Ippomene, Enea e Didone.

Articolo 2
Sono previste 2 sezioni, la prima per autori italiani, la seconda per autori di lingua romena. Sono previsti premi per i primi 3 classificati di ogni sezione. Le opere poetiche in lingua romena dovranno avere allegata la traduzione italiana a cura dell’autore dello scritto. La lunghezza del testo in lingua originale non dovrà superare le 50 righe ed essere redatta in formato Word, Times new Roman corpo 12. Il testo non deve essere scritto tutto in maiuscolo, ma con caratteri maiuscoli e minuscoli.  È consentita, al massimo, la presentazione di una sola opera inedita per ciascun concorrente. Per inedito si intende: mai pubblicato e mai premiato o presentato ad altri concorsi.

Articolo 3
Le opere letterarie, prive di firma o di altri segni di riconoscimento, pena l’esclusione dal concorso, dovranno pervenire entro e non oltre la mezzanotte del 25 APRILE 2017.
Saranno accettate solo le opere tassativamente pervenute entro la data di scadenza del presente bando di concorso. Le opere potranno essere consegnate a mano durante gli orari di apertura della Libreria Punto e a Capo di Sulmona (Aq), oppure inviate via posta elettronica a versusulmona@gmail.com richiedendo l’avviso di lettura e specificando nell’oggetto Concorso letterario Te iubesc!” o spedite per posta ordinaria all’indirizzo Libreria Punto e a Capo, Via Roma 12 - 67039 Sulmona (Aq).
Saranno accettate sia opere manoscritte che dattiloscritte. Per quanto attiene le opere manoscritte, possibilmente in stampatello, sarà cura dei promotori del Concorso operare apposita scansione dell’opera a favore della giudizio della giuria.

Articolo 4
Le opere, che dovranno essere assolutamente frutto del proprio ingegno, saranno sottoposte al giudizio di una Giuria appositamente costituita.
L’opera vincitrice sarà pubblicamente premiata in occasione della visita alla Città di Sulmona (Aq) della delegazione ufficiale della Città di Costanza (Romania), in occasione delle celebrazioni per il Bimillenario della morte del poeta latino Publio Ovidio Nasone, la prima settimana di maggio dell’anno 2017.

Articolo 5
Al primo classificato andrà un contratto di edizione personale con la Lupi Editore.
Le opere vincitrici, (I°/II°/III° classificato di ogni sezione) riceveranno in premio una fornitura di opere ovidiane e di libri di poesia appositamente selezionati del valore complessivo pari a 500 €.
È facoltà della Giuria assegnare "menzioni" alle opere ritenute particolarmente meritevoli.

Articolo 6
Il giudizio della Giuria è insindacabile.
Gli autori, partecipando al concorso, accettano le norme del regolamento e autorizzano la pubblicazione dell’opera a titolo gratuito. Le opere presentate non saranno restituite. Gli organizzatori declinano ogni responsabilità per disguidi postali, smarrimento o eventuali plagi.

Articolo 7
Tutte le opere partecipanti al Concorso saranno raccolte ed edite dalla casa editrice Lupi di Sulmona (Aq) in formato e-book. L’Editore si riserva la pubblicazione cartacea per le opere vincitrici. L’elenco delle opere che via via perverranno si potrà consultare sul sito www.lupieditore.it all’interno della sezione dedicata al concorso.






Comitato D’Onore:

Annamaria Casini (Sindaca di Sulmona - Aq)
Decebal Făgădău (Sindaco di Costanza)
George Scupra (Sindaco di Ovidiu)
Tatiana Nogailic (Sociologa, Mediatrice Culturale e Presidente dell’Associazione Asso Moldave - Roma)
Alina Harja - Scrittrice, giornalista, già Presidente dell’Associazione Interparlamentare Italia-Romania (Roma);
Miruna Cajvaneanu - Giornalista, corrispondente dell'agenzia romena HotNews.ro. (Roma);
Lilia Bicec - Scrittrice e giornalista (Brescia);
Luciano D’Alfonso (Presidente della Regione Abruzzo)
Paola Pelino (Senatore della Repubblica Italiana)
Stefania Pezzopane (Senatore della Repubblica Italiana)
Andrea Gerosolimo (Assessore della Regione Abruzzo)
Rosa Giammarco (Responsabile del Centro Regionale
Beni Culturali di Sulmona)
Armando Sinibaldi (Vicepresidente della Fondazione Carispaq)
Domenico Taglieri (Presidente della Società di Scopo Fondaq della Fondazione Carispaq L'Aquila, Vicepresidente della Fondazione Ignazio Silone, Presidente Onorario della Giostra Cavalleresca di Sulmona)
Luisa Taglieri (Presidente dell’Associazione Voci di Donne, Presidente del Comitato Metamorphosis -Beyond the Shape)
Caterina Fantauzzi (Dirigente scolastico presso l’Istituto d’istruzione superiore Ovidio di Sulmona - Aq
Angelo Spina (Vescovo della Diocesi di Sulmona-Valva)
Daniel Mititelu (Parroco delle comunità Ortodosse romene di Avezzano e Sulmona)
Donatella Quartucco (Presidente del Rotary Club di Sulmona)






C O N C U R S  L I T E R A R

 Te iubesc! - Ti amo! 
pasiune şi sentiment


Articolul 1

Tema concursului este iubirea. Modelul poetic, chiar și în cheie figurativă (mitologie, alegorii, etc.), pot fi inspirate, de la operele Ovidiane - Amores (cinci cărți de elegii, reduse la trei într-o a doua ediție), Heroides (eroine: elegiie Pasionati în formă epistolară ) Ars Amatoria (arta de a iubi: trei cărți în cuplete elegiace), Remedia amoris (poem elegiac) și capodopera sa poetică Metamorphoseon, Metamorfozele. Lista de mai jos include unele dintre cele mai faimoase mituri ale iubirii prezente în Metamorfoze de la care se pot inspira: Aci și Galateea, Apollo și Daphne, Jupiter și Io, Pan și Syrinx, Philomena și Bachus, Jupiter si Europa, Diana si Acteon, Jupiter si Semele, Echo și Narcissus, Marte, Venus și Vulcan, Cadmus și armonie, Jupiter si Danae, Perseu și Andromeda, Leda, Jupiter si Antiope Jupiter si Alcmene, Jason și Medeea, Tezeu și Ariadna, Bachus si Ariadna, Orfeu și Euridice, Venus și Adonis, Atalanta și Hippomenes, Enea și Dido.

Articolul 2

Vor exista doua sectiuni, prima pentru autori italieni, al doilea pentru autorii vorbitori de limbă română. Vor exista premii pentru primii 3 clasați în fiecare secțiune. Pentru poemele în limba română trebuie atașat traducerea italiană de autorul scenariului. Lungimea textului original nu trebuie să depășească 50 de linii și să fie pregătite în format Word, Times New Roman marimea 12. Textul nu ar trebui să fie scris cu majuscule, dar cu litere mari și mai mici. Fiecare concurent poate prezenta doar o singura oper
ă, niciodată publicată și niciodată premiată sau trimisă la alte competiții.

Articolul 3

Operele literare f
ără semnătură sau alte semne de identificare, vor fi excluse din concurs și trebuie să fie primite cel târziu la miezul nopții din 25 aprilie 2017. Vor fii acceptate doar lucrările strict primite până pe data limită a acestui concurs. Lucrările pot fi livrate și de mână în timpul orelor de deschidere a Libreria Punto e a Capo Sulmona (Aq), sau trimise prin e-mail la versusulmona@gmail.com specificând alerta de citire și pentru Concursul literar "Te iubesc! ", sau trimise prin poștă obișnuită și la Libreria Punto e a Capo Sulmona (Aq), Via Roma 12 - 67039 Sulmona (Aq). Vor fi acceptate și manuscrisele dactilografiate. În ceea ce privește lucrările scrise de mână, eventual, cu litere de tipar, va fi grija promotorilor de scanare în favoarea hotărârii juriului.

Articolul 4

Lucrările prezentate trebuie să fie rezultatul propriului talent și vor fii judecate de un juriu constituit special. Lucrarea câștigătoare va fii premiată public cu ocazia vizitei în Orașul Sulmona (Aq) a delegației oficiale din Orașul Constanța (România), cu ocazia celebrării a două mii de ani de la moartea poetului latin Ovidiu, în prima săptămână a lunii mai în anul 2017 (4 mai 2017).

Articolul 5

Câstigătorul Concursului va primi un contract de publicare personală cu Editura Lupi. Lucrările clasificate, (I clasificat / II / III, de fiecare secțiune) va primi un premiu cu operele și cărțile de poezie Ovidiane special selectate în valoare totală de 500 €. Va fii decisia Juriului de a premia operele mai deosebite.

Articolul 6

Decizia juriului este definitivă. Autorii, prin participarea la Concurs, acceptă regulile regulamentului și autorizează publicarea operei în mod gratuit. Lucrările nu vor fi returnate. Organizatorii nu își asumă nici-o responsabilitate pentru erori poștale, pierderi sau orice plagiat.

Articolul 7

Toate intrările în concurs vor fi colectate și publicate de Editura Lupi Sulmona (Aq) în format e-book. Editorul își rezervă dreptul de a imprima și publica lucrările câștigătoare.



Descarcă regulamentul



Comitato D’Onore:

Annamaria Casini (Sindaca di Sulmona - Aq)
Decebal Făgădău (Sindaco di Costanza)
George Scupra (Sindaco di Ovidiu)
Tatiana Nogailic (Sociologa, Mediatrice Culturale e Presidente dell’Associazione Asso Moldave - Roma)
Alina Harja - Scrittrice, giornalista, già Presidente dell’Associazione Interparlamentare Italia-Romania (Roma);
Miruna Cajvaneanu - Giornalista, corrispondente dell'agenzia romena HotNews.ro. (Roma);
Lilia Bicec - Scrittrice e giornalista (Brescia);
Luciano D’Alfonso (Presidente della Regione Abruzzo)
Paola Pelino (Senatore della Repubblica Italiana)
Stefania Pezzopane (Senatore della Repubblica Italiana)
Andrea Gerosolimo (Assessore della Regione Abruzzo)
Rosa Giammarco (Responsabile del Centro Regionale
Beni Culturali di Sulmona)
Armando Sinibaldi (Vicepresidente della Fondazione Carispaq)
Domenico Taglieri (Presidente della Società di Scopo Fondaq della Fondazione Carispaq L'Aquila, Vicepresidente della Fondazione Ignazio Silone, Presidente Onorario della Giostra Cavalleresca di Sulmona)
Luisa Taglieri (Presidente dell’Associazione Voci di Donne, Presidente del Comitato Metamorphosis -Beyond the Shape)
Caterina Fantauzzi (Dirigente scolastico presso l’Istituto d’istruzione superiore Ovidio di Sulmona - Aq
Angelo Spina (Vescovo della Diocesi di Sulmona-Valva)
Daniel Mititelu (Parroco delle comunità Ortodosse romene di Avezzano e Sulmona)

Donatella Quartucco (Presidente del Rotary Club di Sulmona)










Nessun commento:

Posta un commento